OBBEDIENTE perché libero, LIBERO perché AMATO.

In un contesto in cui guardando la tv mi sento annunciare da una bellissima ragazza “Accendi la TV! Guarda quello che ti va, proprio quando ti va. Sentiti come vuoi…non importa quando la guardi (la TV) o dove, importa che la guardi come sei tu…e se vuoi la spegni!” scrivere queste poche righe riguardo il voto d’obbedienza sembra quasi anacronistico. Obbedire appare come una cosa che ti incatena e che nega la libertà, ostacola l’uso della ragione e reprime le passioni. Se poi aggiungiamo il fatto che obbedire sembra tipico dei bambini o, più in generale, degli immaturi o di persone psicologicamente deboli, all'idea di un luogo in cui c’è uno che comanda e uno che obbedisce viene spontaneo esclamare: “Tremendo!”.


Una cosa è chiara: se ci pensiamo bene, tutti obbediamo a qualcuno o a qualcosa. La fortuna di un cristiano sta proprio nel fatto che prima di tutto obbedisce a Dio e non al suo io! Si, perché la virtù dell’obbedienza non è un “esercizio” per i più forti oppure riservato a preti e suore, ma ad ogni battezzato.


Ma la cosa più sconvolgente del voto di obbedienza sta nel fatto che mi ha aperto a orizzonti completamente nuovi, mai passati prima per la mia mente perché ingabbiata dai miei condizionamenti mentali e dal “dovrei essere così”. La Parola di Dio ha avuto la capacità di scardinare il mio io, il mio modo di pensare la vita mettendolo in ascolto della volontà di Dio proprio come Gesù il cui cibo era fare la volontà del Padre (Gv 4,34). Mi sono riscoperto così figlio e non più schiavo, responsabile e coprotagonista della mia vita che, con il passare del tempo, diventa sempre più riflesso di quella storia d’amore che c’è tra Padre e Figlio dove il Padre non pensa ad altro che al figlio e il figlio si abbandona nelle tenere braccia del Padre. In poche parole ho provato che l’obbedienza cristiana mi rende sempre più aderente alla mia vera identità: quella donatami dal Padre fin dal momento in cui mi ha intessuto come un prodigio nel grembo di mia madre.

Luca


0 visualizzazioni
Iscriviti alla newsletter