Il nome dei nomi

Quando vedete un gatto in profonda meditazione, È sempre, sappiate, per la stessa ragione:

La sua mente è rapita in estatica contemplazione Del pensiero, del pensiero, del pensiero del suo nome: Il suo ineffabile effabile Effineffabile

Profondo e inscrutabile singolo Nome.

Thomas S. Elliot


Nella vita di tutti i giorni spesso ci sentiamo chiamare con molti nomi: quello di battesimo, un soprannome, a volte il cognome, quel nome comune che si riferisce al lavoro che facciamo, un vezzeggiativo. Si tratta di tanti modi di riferirsi alla nostra persona, tutti parziali però, infatti riguardano spesso alcuni tempi della nostra giornata (vedi il lavoro) o alcuni ambiti relazionali (i soprannomi, i vezzeggiativi). Nulla di tutto questo riesce a dire fino nel profondo ciò che noi siamo, perché quello appartiene al tempio segreto del nostro cuore e può essere conosciuto solo da noi, e da Dio, ovviamente, che questo nome ce lo ha dato.

Nella spiritualità esiste un concetto che esprime questo nome “ineffabile ed effabile” ed è quello della propria elezione personale. Il Battesimo non è solo un momento in cui ci viene tolto il peccato originale, ma noi ricevendo lo Spirito Santo veniamo effettivamente trasformati in una nuova creatura ed essa non è un qualcosa di generico o un “sono diventato come Gesù” senza alcuna specificazione, ma si radica nel profondo della nostra persona e ci plasma nel corso del tempo in un particolare uomo o donna.

La nostra elezione personale, quindi, non è tanto che cosa devo fare nella vita, ma quale Parola di Dio si incarna nella mia vita e mi dà il mio nome più speciale e profondo. Tutti noi “nasciamo” dalla Parola di Dio, perché ricreati in Cristo che è la Parola di Dio ed allora portiamo in noi qualcosa della nostra madre, un qualcosa che diventa la nostra identità profonda ed anche l’annuncio personalissimo di Dio che facciamo al mondo. C’è chi incarna la mitezza del Signore Gesù, chi la sua forza, chi il suo servizio fino alla morte: ognuno di noi può riconoscere nelle Scritture un versetto nel quale è stato ricreato; questo diventa il motore di ogni nuova esperienza e relazione con Dio. Come il gatto di cui parla Elliot mettiamoci alla ricerca del nostro nome nuovo e, una volta trovatolo, contempliamo la bellezza di ciò che siamo chiamati a diventare.

Manuel



65 visualizzazioni
Iscriviti alla newsletter